Curti’s Restyle “L’arte come rigenerazione urbana”

37353504_2098969803758531_8528499830769582080_n«Arte puoi cambiare il mondo?».  Una domanda  che fa eco nel mondo dell’arte, nelle pagine dedicate ad essa, e non solo, oggetto di  amichevole ma acceso confronto,  anche tra alcuni  artisti  del Maric e appassionati d’arte, qualche giorno fa.

Si parlava di arte come rigenerazione urbana , il presidente del Maric  Vincenzo Vavuso e  alcuni artisti, quali i pittori Gerardo e Iorio e Piero Sani, di questo si sono occupati nei giorni scorsi, impegnati nel restyling nel centro storico di Curti, paese del casertano. Di fatto hanno tutta l’esperienza dei grandi artisti, esperienza  messa a disposizione  della comunità,  per recuperare il suo spazio sociale, attraverso l’azione artistica .

Spazi pubblici e panchine, arredi anonimi, pareti di palazzoni che prendono vita e colore, significato. Tutto diventa metafora di  un impegno da parte del Movimento Maric . Si parla di repubblica della cultura, si parla di rinascita sociale e urbana attraverso la creatività. Non  semplice decoro, no, ma di  Street Art che da  vita a nuovi paesaggi urbani.

All’arte pubblica, si possono ricollegare  tante buone pratiche, certo anche qualche spunto di retorica , ma quel che è certo, è che queste pratiche esprimono un potenziale di trasformazione .

La domanda giusta a questo punto forse è : «l’arte ha il potere di trasformare il mondo?» L’utilizzo del verbo potere aggiunto a  quel punto di interrogazione  richiama ad altri quesiti: può l’arte attivare processi di aggregazione,  unione sociale  promuovendo  nuove forme di socialità? Può l’arte – oltre la retorica decorativa, attivare la ri-scoperta,  la trasformazione dello spazio urbano e sociale? Il punto  sembra essere proprio il verbo potere, in connessione al concetto di volere e collaborare.  Ecco allora che l’arte non è tanto la rappresentazione quanto l’espressione della volontà e della capacità di saper immaginare il cambiamento attraverso il  senso di comunità”. L’arte crea consapevolezza, suscita sensazioni,  aumenta la sensibilità,  mobilita gli animi e l’intelligenza ,  l’arte parla ad ognuno singolarmente  e alle masse allo stesso modo. Il Restyling di Curti è alla sua prima piazza, spazio patriottico impregnato dei colori della bandiera italiana.  Le parole scorrono sulle panchine, come monito a riscoprire un’identità che spesso dimentichiamo.

 Rosalia Cozza

31179911_373036559771723_543013801860005888_n

37712134_424179121324133_6248593566415716352_n